Presenza - Espansione - Sparizione

 

MOSTRA PERSONALE DI GINO FROGHERI

Allestimento a cura di Wanda Nazzari

Centro Culturale Man Ray - Cagliari
Dal 19 al 29 aprile 2002

 

03E' una sagoma che torna, ormai nota e ancora misteriosa, nei lavori recenti e lontani di Gino Frogheri. Lartista nuorese espone a Cagliari, al Centro culturale “Man Ray” fino al 29 aprile, sette lavori della sua ultima produzione in una mostra titolata Presenza Espansione Sparizione.
.In ogni quadro un campo di un solo colore che recinta con linee geometriche una forma tra l’androide e il floreale. Questa forma, definita da Salvatore Naitza una presenza discreta e perentoria, misura lontananza e vibrazioni, spartisce tempo e luoghi.
Frogheri l’entronauta, che sin dagli anni Cinquanta conduce una ricerca originale e appassionata sullo spazio sentito come proiezione umana, in un dissimulare sotto la geometria ordinata delle sue opere lirresistibile pesantezza del distacco, la continua perdita di ciò che si sfiora e mai si possiede. Persone, sentimenti, stati danimo che si allontanano nello stesso momento in cui li s’incontra. Nei quadri di Gino Frogheri i segni si combinano su equilibri interni nella rappresentazione di una realtà che l’autore prima frantuma e poi ricompone. Pezzi di pietre e di metalli, corrugati e mobili in un dinamismo centripeto su stesure di rossi neri grigi, in una pittura fatta di curve e masse, macchioline, sagome che si avvitano e si rifiutano. Sono state lame e schegge, scudi e frecce e antichi bronzi, realizzati con le tecniche miste con cui Frogheri cattura la sfuggente triade presenza-espansione-sparizione.
Intorno alla sua immagine icona, l’artista visualizza le onde dello spazio, con la pittura concentrata sui margini della sagoma bianca, solitaria e centrale come un bersaglio. Lo sguardo si concentra sul cuore del dipinto in un gioco di linee che, con esatta poesia, capovolge l’icona padrona, che, intatta e indifferente, si contorna di fili contorti e rapidi tratti di pennello. A Frogheri piaceva ritrarre paesaggi urbani e minatori. È sui cavalli che ha iniziato a dissolvere la figura, conservando dei destrieri solo la potenza dei muscoli. Vennero poi le bivalenze, gli incontri, le sovrapposizioni. Lunga la serie dei sopravissuti, sempre le sagome su fondi monocromi per variazioni ottenute con una pittostruttura sempre più essenziale.
L’antologica del “Man” di Nuoro, dedicata al pittore nel 1999, raccoglie in un bel catalogo i suoi oli degli anni giovanili (un bellissimo ed energico figurativo), sino alla rarefazione del suo stile attuale. Nata molto tempo fa, monade e isola, la sua forma rimane impermeabile alle sollecitazioni pulsanti delle emozioni. Ma le registra come un sismografo, sperimentata in molti modi. Schierata, addensata di colore, sdoppiata, sezionata, ripresa con cartoncino e puntine da disegno, sempre composta e icastica, anche sull’irregolarità del cartone ondulato. Se è bianca su fondo bianco, si fa grande come tutto il quadro, per raccogliere la ripetizione identica di se stessa. Sono le autorifrazioni con cui Frogheri continua il suo gioco di specchi, fino a sistemarla su una quinta di medium densit, leggermente scostata per provocare ombra. Elementi chiave restano luce, spazio, materia, in un’astrazione organica in cui la sagoma archetipo, più che muoversi, affiora. La realtà aguzza e ferrigna gira intorno ad una forma nata uovo e poi assottigliata in uno stelo. È una figura gentile, smussata e leggera che al “Man Ray” - in un allestimento incisivo curato da Wanda Nazzari - si assenta solo da una stesura di giallo senape, rifrangendosi invece sui blu, sui rossi, sul nero e su un bianco attraversato da fili d’argento.
Artista di notevolissimo curriculum e vasta bibliografia, Gino Frogheri si appresta ad affrontare il grande formato nel suo nuovo studio di Badde Manna, rifugio campagnolo tra Nuoro e Oliena, dove già progetta un’elaborazione ulteriore dei suoi temi costanti e inesauribili. Curioso, ancora, delle possibilità nascoste nel suo lavoro.

Alessandra Menesini, Unione Sarda 24/04/2002
 
 

Immagini